Er gatto avvelenato


Io ve chiedo scusa ancora prima de parla,

lo so: so solo un micio

e ho capito che su ‘sta terra

forse nun ce dovevo manco stà.

Ma mo’ che me sento un po’ più vicino ar Creatore vorrebbe divve quello che pe’ anni

c’ ho avuto drento ar core.

Lo so già che me direte:

“Ma senti ‘sto bojaccio: ma chi se crede da esse?

Nun lo sa che è solo un gattaccio?

Sto brutto spelacchiato

hanno fatto bene che l’hanno avvelenato.

Come po’ pensà de parlà der Creatore ‘na bestiaccia?

Noi omini sortanto potemo esse li fiji der Signore:

creati a sua immagine e somiglianza!

Giù all’inferno tanta tracotanza!”

Beh, mo’ che sto da ‘st’ artra parte

ve posso assicurà che comincio a capì la verità.

Puro io me credevo che l’omini fossero li fiji del Signore;

ma solo perché conoscevo

‘na signora che ogni sera me portava da magnà;

e così pure che me ne stavo

tra li secchi de monnezza

tra un pasto e ‘na carezza

la vita me pareva piena de ricchezza.

Me credevo che l’omini

potessero capì che uno come me

che nun ha mai rubato e manco assassinato

potesse vive felice co’ quer poco che c’aveva.

Beh, sarete contenti; mo’ nun ce sto più;

nun me sentirete più de miagolà,

ma quello che ve posso dì è che vicino a Dio,

nun vorrei sembrà blasfemo,

ma me sa che più de voi ce sto vicino io.

Maria Pia Scirè

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *