Vi presentiamo i Pappagalli Ara


pappagalli ara

I pappagalli Ara abitano i“piani alti” delle foreste Sudamericane. Inizialmente, questo gruppo omogeneo di pappagalli americani era composto da circa 25 specie, di cui oggi ne restano solo 17, articolate nei seguenti generi:

  • Anodorlhynchus
  • Cyanopsitta
  • Ara
  • Orthopsittiaca
  • Primolius
  • Diopsittaca

 

Le caratteristiche fisiche dei Pappagalli Ara

I Pappagalli Ara si differenziano dagli altri pappagalli per il loro “look”, estremamente appariscente: caratterizzati da code lunghe e colori brillanti, solitamente occupano le vette delle foreste per non catturare facilmente l’attenzione di astuti predatori.

Un’altra caratteristica fisica dei pappagalli Ara risiede nella loro cute, in cui è presente un’area totalmente priva di piume sulla faccia. In alcune specie, nello specifico, questa particolarità aiuta a evidenziare lo stato d’animo dei soggetti volatili, che se si mostrano eccitati subiscono un arrossamento provocato da un maggiore afflusso di sangue nel distretto cutaneo interessato. In altri casi, invece, impallidiscono.

L’alimentazione dei Pappagalli Ara

L’alimentazione dei Pappagalli Ara cambia a seconda delle tipologie. La tipologia Ara gialla e blu, ad esempio, si nutre di bacche e semi appartenenti a un centinaio di piante diverse, mentre razze come l’Ara di Lear prediligono un solo tipo di noce.

La specificità dell’alimentazione dei pappagalli Ara è strettamente legata alle zone geografiche in cui risiedono: l’Ara gialla e blu si trova in tutto il Sudamerica, mentre l’Ara di Lear occupa una piccolissima parte del Brasile.

Per questo motivo, è buona prassi documentarsi accuratamente sulla provenienza del pappagallo, affinché le sue abitudini alimentari non vengano stravolte.

Quali sono i consigli degli esperti su come approcciarsi a un Pappagallo Ara?

Uno dei primi consigli degli esperti sul giusto approccio da adottare con un Pappagallo Ara è spendere economicamente il giusto per fargli avere tutto ciò di cui ha bisogno nell’ambiente del suo nuovo padrone, dalle gabbie al cibo.

Affinché il pappagallo Ara non senta troppo il distacco, a livello alimentare, con la sua terra di origine, è opportuno nutrirlo con una miscela di frutta di stagione, verdura e semi ammollati e cotti. Inoltre, è importante che tra i semi cotti non manchino i legumi e che la frutta e la verdura vengano tagliati in pezzi grossi, affinché l’uccello si mostri incuriosito e possa testare gli alimenti con le zampe.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *