fbpx
Sei un Tecnico Veterinario? Accedi all'area dedicata a te!
Articoli Influenti Attualità News

Daniele Diaco: sosteniamo il progetto Dopo di Me

Daniele Diaco: sosteniamo il progetto Dopo di Me 3 Ottobre 20197 Comments
Intervista a Daniele Diaco, presidente della Commissione IV Ambiente di Roma Capitale, sul progetto Asta a tutela degli anziani e i loro animali Dopo di Me.

Lo scorso 28 settembre, in occasione della giornata degli anziani, l’associazione Asta, Associazione Salute e Tutela degli Animali, ha presentato il suo progetto Dopo di Me in Campidoglio, iniziativa legata alla tutela degli anziani e dei loro animali. La presentazione ha riscosso un grande successo tra i partecipanti, ma i più entusiasti erano forse i rappresentanti di Roma Capitale, Daniele Diaco, presidente della Commissione IV Ambiente di Roma Capitale, e Simona Donati, consigliera della Commissione V – Politiche Sociali e della Salute di Roma Capitale.

Abbiamo voluto chiedere al presidente Diaco le prime impressioni riguardo il progetto e quali sono le loro intenzioni per il prossimo futuro.

Ciao Daniele,
quando vi è stato presentato il progetto Dopo di Me, qual è stato il primo pensiero che avete avuto?

È stato quello di organizzare subito una conferenza con Susanna Celsi, la presidente Asta, in Campidoglio proprio per cercare di farlo ascoltare a più persone possibili, di sensibilizzare innanzitutto gli amanti degli animali e poi anche chi cura gli anziani e si occupa della terza età. L’obiettivo primo è quello di renderlo concreto e tangibile e fattibile con gli uffici dell’amministrazione. Quindi il prossimo passo sarà quello di organizzare un’ interlocuzione con gli uffici, insieme alla Commissione Politiche Sociali, per attivare tutte le azioni e gli strumenti utili affinché possa concretizzarsi, anche attraverso un progetto pilota, prendendo un centro anziani di riferimento e provvedendo a svilupparlo in quel contesto e in quella situazione.

Dal punto di vista pratico, quindi, cosa può fare Roma Capitale per sostenere Dopo di Me?

Possiamo fare un protocollo d’intesa con un centro anziani e l’associazione Asta per poter delineare quello che è il progetto e poterlo sperimentare all’interno della struttura di accoglienza, dove anche il direttore avrà un ruolo importante, perché coordinerà con l’associazione questo bellissimo progetto che a Roma non si è mai visto. È la prima volta che parliamo di un’azione mirata a sostegno degli anziani e dei loro animali. È un progetto innovativo, che guarda avanti e che sostiene chi oggi ha bisogno di aiuto.

Intervista a Daniele Diaco, presidente della Commissione IV Ambiente di Roma Capitale, sul progetto Asta a tutela degli anziani e i loro animali Dopo di Me.

Dunque, nella vostra esperienza, non è stato mai fatto qualcosa di simile sul territorio?

A Roma mai. Nel regolamento dei centri anziani non era neanche consentito l’accesso agli animali, quindi un tempo non sarebbe stato neanche possibile svilupparlo. Con la volontà e l’impegno dei miei colleghi, prima fra tutti la consigliera Donati che si sta occupando proprio di questo tema, è stato modificato il regolamento dei centri anziani per consentire l’accesso agli animali. Ciò permetterà di svilupparlo, quindi da parte nostra c’è anche un intento politico perché ciò possa realizzarsi. Occorrerà sensibilizzare l’amministrazione e avere un supporto tecnico per poter dargli vita e renderlo concreto.

Secondo te, Roma è pronta ad accogliere un progetto del genere?

Roma ha un’amministrazione sensibile al tema degli animali, lo abbiamo dimostrato in tanti modi, quindi l’interesse c’è. Di certo occorre sensibilizzare la cittadinanza e i centri anziani, alcuni dei quali, ancora oggi, vivono in un contesto e un’ideologia un po’ legato al passato. Noi vogliamo proprio creare innovazione con dei progetti che guardano avanti, con la possibilità di instaurare nella mentalità dell’anziano una visione differente dell’animale, che oggi può dare un supporto importantissimo da tanti punti di vista. Alla luce di ciò, Dopo di Me è un progetto che deve essere abbracciato e assolutamente portato avanti.

Foto di copertina @Budimir Jevtic/Shutterstock

7 comments

  1. Una iniziativa importantissima e utilissima sia x gli anziani soli sia x gli animali che restano soli e abbandonati .Mi auguro che tutti i municipi di Roma aderiranno a tutto ciò .Bravi

  2. Trovo sia un progetto bellissimo rimanere l’uno senza l’altro e’ terribile per entrambi dopo essere stati l’uno il sostegno e la compagnia dell’altro.

  3. Un umano e un cane o un gatto anziano non possono che trarre beneficio l uno dall altro, ma il costo, spesso esagerato, delle spese veterinarie e la paura di abbandonarlo o di non essere all altezza di accudirlo, fa si che ognuno rimanga nella propria solitudine. Una iniziativa del genere porterebbe nuova vitalità ed amore ad entrambi senza la paura per il futuro

  4. Bellissimo! Spero si realizzi presto! Non poter accudire il pelosetto con il quale si è condivisa una parte di vita, aggiunge dolore alla sofferenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *