fbpx
Sei un Tecnico Veterinario? Accedi all'area dedicata a te!
Articoli Influenti Comportamento - Cane Leggi e Normative

Patentino per cani: cos’è e quando serve

Patentino per cani: cos’è e quando serve 25 Maggio 2020Leave a comment

Il patentino per cani è un attestato che viene rilasciato al termine di un percorso formativo per diventare dei proprietari responsabili. Spesso alcuni cani hanno dei comportamenti indesiderati, sia nei confronti degli altri animali che in quelli dell’uomo, e il più delle volte sono dovuti a una mancanza di conoscenza del cane da parte dello stesso proprietario. Per questo motivo i Comuni, congiuntamente con il Servizio Veterinario dell’Azienda Sanitaria Locale territorialmente competente, indicono dei percorsi formativi per proprietari di cani (O.M. Del 6 agosto 2013) con rilascio di attestato finale, il cosiddetto “patentino”. Vediamo chi deve farlo, in cosa consiste e come sono strutturati i percorsi formativi.

Chi deve prendere il patentino

L’Ordinanza del 23 marzo 2009 dell’allora Sottosegretario alla Salute Francesca Martini cancellò la lista di razze pericolose introdotte nel 2006 da Livia Turco con l’Ordinanza “Tutela dell’incolumità pubblica dall’aggressione di cani”, considerata discriminatoria nei confronti di alcune razze canine. Tale legge, infatti, prevedeva l’ipotesi dell’abbattimento eutanasico di cani pericolosi, per la prima volta nel nostro Ordinamento giuridico.

Successivamente, è entrata in vigore l’Ordinanza del 13 luglio 2016 che apporta una lieve modifica alla precedente del 2009. Nel testo, si rendono i medici veterinari responsabili e promotori dell’educazione dei proprietari, rispetto ad alcune razze ritenute più pericolose.

I cani che vengono considerati più impegnativi dal punto di vista del comportamento vengono iscritti nel Registro dei cani morsicatori e con problemi di comportamento. Se il cane è iscritto in queste liste bisogna obbligatoriamente stipulare un’assicurazione di responsabilità civile e portare sempre guinzaglio e museruola quando ci si trova in luoghi aperti al pubblico con il proprio animale.

Inoltre, se il veterinario ritiene che il proprio cane sia pericoloso per la corretta gestione ai fini della tutela dell’incolumità pubblica, è obbligatorio conseguire il patentino.

I percorsi formativi

Tale patentino per cani viene rilasciato in seguito alla partecipazione a dei percorsi formativi, il cui obiettivo è quello di favorire un corretto sviluppo della relazione tra il cane e il proprietario. Spesso, infatti, mancano le conoscenze adeguate riguardo alle specifiche esigenze comportamentali e comunicative di una determinata razza canina. I corsi di formazione servono proprio a rendere il proprietario maggiormente responsabile nei confronti del proprio cane.  

Come riportato sul sito del Ministero della Salute, i Comuni e le Aziende Sanitarie Locali, per l’organizzazione dei percorsi formativi

possono avvalersi della collaborazione degli Ordini professionali dei Medici Veterinari, delle Facoltà di Medicina Veterinaria, delle Associazioni scientifiche Veterinarie, delle Associazioni di protezione degli animali e degli educatori cinofili.

Il corso fornisce nozioni sulla normativa vigente ma anche sulle caratteristiche fisiologiche ed etologiche del proprio cane, per indirizzare verso un possesso responsabile e consapevole.

I percorsi formativi sono due: un percorso di base, a partecipazione volontaria, e un percorso avanzato, obbligatorio per i proprietari di cani riconosciuti a rischio elevato per l’incolumità pubblica.

Percorso formativo base

Il percorso formativo base consiste in 5 sessioni da 2 ore per un totale di 10 ore complessive. Gli argomenti trattati sono i seguenti:

  • etologia canina;
  • sviluppo comportamentale in relazione alle diverse fasi della vita (da cucciolo a cane anziano);
  • il benessere del cane: bisogni fondamentali e principali cause di sofferenza;
  • la comunicazione intra ed extraspecifica. Il linguaggio del cane: comunicazione olfattiva, acustica e visiva;
  • relazione uomo – cane: errori di comunicazione;
  • come prevenire l’aggressività e i problemi di comportamento;
  • normativa vigente in materia di tutela del benessere degli animali d’affezione: obblighi e responsabilità del proprietario.

Percorso formativo obbligatorio

Il percorso formativo obbligatorio prevede gli stessi argomenti del percorso base ma trattati in maniera più approfondita. Inoltre, siccome viene prescritto da un veterinario ufficiale che spesso si avvale anche della consulenza di un medico veterinario esperto in comportamento animale, il singolo caso viene valutato e vengono previste specifiche esercitazioni pratiche per la corretta gestione del cane da parte del proprietario.

Al termine del percorso formativo, viene effettuato un test di verifica finale e viene rilasciato il cosiddetto patentino che però non è obbligatorio portare con sé quando si è in compagnia del proprio animale nei luoghi pubblici. A fronte di una specifica richiesta da parte delle forze dell’ordine, il proprietario del cane può rilasciare un’autocertificazione, essendo un soggetto iscritto in un elenco tenuto da una pubblica amministrazione.

Chi ha l’obbligo di frequentare un percorso formativo non può rifiutarsi, poiché rientra nell’ipotesi di “inosservanza di un provvedimento dell’autorità”. In tal caso, oltre a una sanzione, si può anche ipotizzare il sequestro dell’animale. 

Anche se non sono obbligatori, i percorsi formativi possono essere un valido aiuto per chiunque desideri prendere un cane o anche per tutti coloro che li allevano o, perché no, anche per chi ha intenzione di far fare una cucciolata al proprio cane.

L’assicurazione

Se i cani sono inseriti nei registri degli animali a rischio elevato per l’incolumità pubblica, il proprietario è anche obbligato a sottoscrivere un’assicurazione di responsabilità civile.

Alcune compagnie non stipulano assicurazioni per i cani appartenenti alla lista stilata nel 2006 e in seguito abolita, oppure elevano di molto il premio da pagare. 

Tale lista, che – ricordiamo – non è più in vigore dal 23 marzo 2009, comprendeva le seguenti razze di cani:

  • American Bulldog
  • Cane da pastore di Ciarplanina
  • Cane da pastore dell’Anatolia
  • Cane da pastore dell’Asia centrale
  • Cane da pastore del Caucaso
  • Cane da serra da Estreilla
  • Dogo argentino
  • Fila brasileiro
  • Bull terrier
  • Perro da canapo majoero
  • Dogo canario
  • Perro da presa mallorquin
  • Pit bull mastiff
  • Pit bull terrier
  • Rafeiro do alentejo
  • Tornjak
  • Rottweiler
  • Tosa inu

Alcune assicurazioni, invece, specializzate proprio nelle polizze per animali, non applicano alcuna maggiorazione del premio. L’assicurazione per cani copre la responsabilità civile per danni causati dal nostro cane a persone terze, a cose di terzi, le spese di ricerche in caso di scomparsa, le spese veterinarie per interventi chirurgici e la tutela legale.

Ogni Paese europeo ha una sua propria normativa per quanto riguarda i cosiddetti cani “pericolosi”, per cui, prima di mettersi in viaggio con un cane ritenuto impegnativo, è sempre bene informarsi sulle leggi locali ed eventuali sanzioni prima della partenza.

Non dimenticare che il proprietario del cane è responsabile del benessere, del controllo e della conduzione dell’animale e risponde, sia civilmente che penalmente, dei danni o lesioni provocati dall’animale stesso.

Foto di copertina @Viktoriiapdb/Shutterstock

0 0 Voto
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Ti piace questo contenuto? Commentalo!x
()
x

Non andare via!! Scarica Ora il tuo Ebook Gratuito!

This information will never be shared for third part