fbpx
Sei un Tecnico Veterinario? Accedi all'area dedicata a te!
Articoli Influenti Salute Cane Salute Gatto

Igiene orale. Prevenire i problemi della bocca di cani e gatti

Igiene orale. Prevenire i problemi della bocca di cani e gatti 3 Giugno 2019Leave a comment
Gengivite e parodontite sono due malattie causate molto spesso dal semplice accumulo incontrollato di tartaro dentale. La prevenzione è fondamentale.

Alito pesante (alitosi), gengive arrossate e sanguinanti, denti gialli e macchiati, perdita di saliva dalla bocca, prurito nella zona del muso, difficoltà da parte dell’animale ad alimentarsi: sono questi i segnali che ci dicono che qualcosa non va nella salute orale dei nostri animali. Si tratta di gengivite e parodontite, due malattie causate molto spesso dal semplice accumulo incontrollato di tartaro dentale.

Che differenza c’è tra gengivite e parodontite?

La gengivite insorge quando l’accumulo della placca dentale (deposito di batteri sullo smalto dei denti) si aggrava, cominciando a formare il tartaro dentale. In questo stadio la gengivite è ancora reversibile e può essere curata semplicemente rimuovendo il tartaro. Persistendo, invece, il tartaro causa l’insorgenza della parodontite, che è irreversibile ed è caratterizzata da retrazione gengivale, perdita dell’osso di supporto per i denti e alterazioni delle loro radici. Tutto ciò può sfociare in una perdita totale dei denti e/o complicarsi con la formazione di ascessi e fistole, molto dolorosi. La prevenzione è sempre la via migliore. Per identificare i primissimi segni della malattia, servono visite regolari dal veterinario, quando ancora è possibile intervenire, in modo da instaurare sin da cuccioli dei piani d’igiene orale. La cosa più giusta da fare è abituare il cucciolo sin da piccolo alla pulizia dei denti, da fare anche a casa, in modo da rallentare la formazione del tartaro e l’eventuale insorgenza di problemi orali. Ma se la presenza di tartaro è importante, occorre rivolgersi al veterinario.

Che cosa è la detartrasi?

La detartrasi è la rimozione meccanica del tartaro. Tale pratica è attuabile solo dal veterinario, che la propone coscienziosamente nel momento in cui, nel corso della visita accurata, rileva la presenza eccessiva di tartaro. La detartrasi migliora nettamente le condizioni di salute sia della bocca sia di altri organi e apparati, anche quando si è già instaurata la parodontite. Il consiglio è che gli animali nel corso della loro vita siano sottoposti a cicli di detartrasi, esattamente come noi ciclicamente prenotiamo una seduta di pulizia dentale.
A differenza delle persone, però, questa pratica deve essere svolta in anestesia generale; sia per essere certi che l’animale non si muova durante il trattamento, sia per evitargli i fastidi e la paura che noi tutti conosciamo durante la pulizia dentale. I rischi del trattamento sono molto contenuti e riguardano solo le accortezze necessarie durante l’anestesia. Dura pochi minuti e viene utilizzato un ablatore piezoelettrico, simile a quello utilizzato dal nostro dentista.

Gengivite e parodontite sono due malattie causate molto spesso dal semplice accumulo incontrollato di tartaro dentale. La prevenzione è fondamentale.
Foto @Morozova Olga/Shutterstock

La prevenzione è fondamentale

Trascurare l’igiene orale, così come per noi, può voler dire andare incontro a patologie gravi e irreversibili che andrebbero poi affrontate con complicate terapie mediche e chirurgiche. Prevenire le malattie del cavo orale del cane e del gatto è fondamentale, ed è una questione di rispetto nei confronti dei nostri animali. È doveroso, infatti, consentire sempre ai nostri amici animali una vita dignitosa e priva di sofferenze, per quanto possibile.

Antonio Santamaria, Medico Veterinario in Roma

Foto di copertina @Te9l/Shutterstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *